venerdì 13 ottobre 2017

Friday News #103


Cari visitatori della Tana, 
benvenuti ad un nuovissimo appuntamento con Friday News, la rubrica interamente dedicata alle notizie dal fronte libresco.
Pronti a scoprire le novità di questa settimana?

Cover reveals;


  • Fino all'ultima parola di Tamara Ireland Stone è uscito ieri in ebook per Leggereditore. Il cartaceo arriverà il prossimamente;
  • Ti chiamo sul fisso di Rainbow Rowell esce per Piemme il prossimo 7 Novembre;
  • Caraval di Stephanie Garber uscirà per Rizzoli il 2 Novembre e non il 19 Ottobre come indica Amazon;
  • These Rebel Waves è il romanzo di una nuova trilogia fantasy di Sarah Raasch, che uscirà nelle librerie USA a Luglio 2018;

Novità sugli adattamenti;



Prossime uscite in Italia;
  • Cambio di titolo e data di uscita per il terzo volume della serie Rebel di Alwyn Hamilton: il romanzo si intitolerà Rebel: La nuova alba e l'uscita è stata posticipara al 15 Novembre.
  • La prigioniera del ghiaccio e della neve di Ruth Lauren esce per DeA Planeta il prossimo 5 Dicembre;
  • Ready Player One di Ernest Cline dovrebbe uscire a Gennaio 2018 per DeA Planeta;
  • Fazi Editore continuerà a pubblicare i romanzi di Elizabeth Jane Howard: Per l'inizio del 2018 aspettiamo Dopo Julius;

E per oggi è tutto, lettori cari.
Alla prossima!


mercoledì 11 ottobre 2017

Top Five Wednesday #15: Cinque ambientazioni inquietanti che adoro


Cari visitatori della Tana,
benvenuti ad una nuovissima Top Five, che nel mese di Ottobre riguarderanno temi un po' halloweeneschi. Per questo oggi parliamo di cinque ambientazioni da paura che mi sono piaciute e che ho rispescato da alcuni romanzi che ho apprezzato altrettanto.

  

Panem dalla trilogia Hunger Games di Suzanne Collins
Non sarà un'ambientazione spooky, ma è sicuramente spaventosa: Panem è la nazione nata dalla fantasia di Suzanne Collins, divisa in 12 Distretti e governata dal Presidente Snow, uno spietato dittatore che muove i fili del Paese da Capitol City. 


Fairfold da Nel profondo della foresta di Holly Back
Questa invece sì che è un'ambientazione inquietante: Fairfold è un paesino nel quale le stranezze sono di casa e le persone hanno imparato a convivere con le creature magiche, ai confini di una foresta che non ha mai smesso di riservare imprevisti nella piccola cittadina, sulla quale sembra regnare sempre un'atmosfera oscura.


Il Reich da Wolf: La ragazza che sfidò il destino di Ryan Graudin
Le ambientazioni ucroniche e distopiche, come avrete intuito, troveranno un discreto spazio in questa classifica, per cui non poteva mancare il Reich descritto da Ryan Graudin nella duologia Wolf By Wolf. In un mondo in cui la Germania ed i suoi alleati hanno vinto la Seconda Guerra Mondiale e con il Giappone hanno diviso il mondo in due metà esatte, il Furher ha instaurato una spietata dittatura in cui per sopravvivere bisogna solo conformarsi.


Hailsham da Non lasciarmi di Kazuo Ishiguro
In questo caso non è esatto parlare soltanto di Hailsham, ma dell'intara distopia creata da Kazuo Ishiguro in questo romanzo: quello dell'ambientazione distopica è un elemento che si capisce pienamente soltanto dopo gran parte del romanzo, quando si comprende a pieno la crudeltà del sistema di cui fanno parte Tommy, Ruth e Kathy.


L'Impero Marziale dalla serie Il dominio del fuoco di Sabaa Tahir
Si tratta di un impero molto simile a quello romano, anche a livello di ambientazione storica: i Marziali, guerrieri spietati, hanno assoggettato i Dotti senza alcuna pietà e li hanno praticamente ridotti in schiavitù. Senza più alcuna libertà, i Dotti non hanno altra scelta se non obbedire ciecamente, mentre i Marziali non hanno mai placato la loro sete di sangue e anzi, continuano a formare guerrieri senza scrupoli.


E per oggi è tutto, lettori cari.
Voi avete qualche ambientazione da paura, un mondo libresco nel quale non vorreste proprio vivere?
Fatemelo sapere pure nei commenti.

Io, come sempre, vi do appuntamento al prossimo post!

martedì 10 ottobre 2017

Recensione di "Pulvis et Umbra" (Rocco Schiavone #6) - Antonio Manzini

Cari visitatori della Tana, 
oggi torno a recensire, per parlare con voi di una delle mie ultime letture. 
Si tratta di Pulvis et Umbra, romanzo numero sei nella serie di Rocco Schiavone, il burbero vicequestore nato dalla penna di Antonio Manzini.

Il romanzo è uscito per Sellerio Editore lo scorso 31 Agosto e conta 403 pagine. Il prezzo è di € 15 per il cartaceo, mentre l'ebook costa € 9,99.
Potete acquistarlo su Amazon a questo link.

TRAMA
In "Pulvis et umbra" due trame si svolgono in parallelo. Ad Aosta si trova il cadavere di una trans. A Roma, in un campo verso la Pontina, due cani pastore annusano il cadavere di un uomo che porta addosso un foglietto scritto. L'indagine sul primo omicidio si smarrisce urtando contro identità nascoste ed esistenze oscurate. Il secondo lascia un cadavere che puzza di storie passate e di vendette. In entrambi Schiavone è messo in mezzo con la sua persona. E proprio quando il fantasma della moglie Marina comincia a ritirarsi, mentre l'agente Caterina Rispoli rivela un passato che chiede tenerezza e un ragazzino solitario risveglia sentimenti paterni inusitati, quando quindi la ruvida scorza con cui si protegge è sfidata da un po' di umanità intorno, le indagini lo sospingono a lottare contro le sue ombre. Tenta di afferrarle e gli sembra che si trasformino in polvere. La polvere che lascia ogni tradimento.


LA MIA OPINIONE
In quest'ultimo periodo ho letto veramente poco. Pulvis et umbra  è arrivato decisamente al momento giusto per darmi una scossa.
Ho amato moltissimo le precedenti avventure del vicequestore Schiavone e anche questa non è stata da meno: ho divorato il libro in poche ore e girata l'ultima pagina ho da subito cominciato a pensare alle possibili evoluzioni del prossimo romanzo.

Rocco Schiavone, sempre di stanza nella non troppo amata Aosta, arriva in questura in una mattina come tutte le altre e trova una novità piuttosto indigesta: hanno spostato il suo ufficio in uno sgabuzzino per far posto alla nuova squadra della scientifica, che è già una rottura del nono livello. Presto però Rocco dovrà far fronte a cose ben più importanti: mentre ad Aosta viene ritrovato il cadavere di una trans, a Roma  c'è quello di un uomo che stringeva in mano un biglietto con il  suo numero di telefono.
Come sempre diviso tra Aosta e Roma, Rocco deve risolvere un caso complesso, di cui bisogna saper leggere tutte le sfumature. Missione non di certo impossibile per lui, ma certo difficile, visto che ad ogni indagine diventa sempre più difficile per lui calarsi nel fango dell'umanità su cui è chiamato ad indagare.
A tutto questo si aggiunge il capitolo Enzo Baiocchi, non ancora chiuso. L'uomo che ha ucciso Adele è ancora a piede libero e Sebastiano ha giurato di prenderlo. Ma Rocco sarà capace di lasciarlo fare senza intromettersi?

Pulvis et umbra segna un punto importante nella storia personale di Rocco, che deve tirare le somme di molti conti rimasti aperti.
Marina ormai parla con lui sempre meno spesso. Sono rare le volte in cui la trova ad aspettarlo nella sua nuova casa, ma nel frattempo si sta facendo strada nella sua vita Caterina Rispoli, che a sua volta in questo volume deve affrontare un fantasma molto ingombrante del suo passato.
I casi di cui si deve occupare questa volta sono pieni di ombre, rompicapo difficili da capire e che sembrano portare soltanto ad una serie di vicoli ciechi. 
Rocco però non è il tipo di investigatore che si lascia ingannare dalle apparenze o che si ferma davanti ad un muro: sa che deve arrivare alla verità, anche se per lui è soffocante, perché le persone su cui deve indagare sono spinte da motivi sempre più meschini.
E poi c'è Sebastiano, il suo migliore amico, che spegne il cellulare e sparisce. Ma Rocco sa che sta seguendo Enzo Baiocchi per vendicare la morte di Adele e che ha scelto di compiere questa vendetta da solo. Deve solo capire se è il caso di lasciarlo proseguire da solo, se può lasciarlo fare senza intromettersi.

La serie di Rocco Schiavone non annoia mai: anche adesso che pensavo di sapere tutto sul protagonista, Manzini è riuscito ad introdurre nuove sfumature della sua personalità, nuovi aspetti della sua vita che non avevamo ancora conosciuto, e così com'è stato per lui, lo stesso è accaduto con Caterina Rispoli, che in questo romanzo occupa uno spazio importante.
Come sempre scorrevolissimo, questo romanzo è stato il rimedio perfetto contro il blocco del lettore: mi ha incuriosita sin dalla prima pagina ed è stato un viaggio attraverso una trama complessa, piena di snodi e colpi di scena, che conduce verso un finale che lascia l'amaro in bocca, ma che è perfettamente calzante.
Pulvis et umbra non deluderà i fan di Rocco, anzi li appassionerà di più: una lettura imperdibile per tutti coloro che amano il vicequestore.

Il mio voto per questo romanzo è di cinque riccetti!

venerdì 6 ottobre 2017

Friday News #102


Cari visitatori della Tana,

benvenuti ad un nuovo appuntamento con Friday News, la rubrica della Tana interamente dedicata alla novità dal fronte libresco. 
Questa volta dico sul serio: mettetevi comodi perché abbiamo davvero moltissime novità di cui chiacchierare insieme questa settimana.

Cover reveals;
  

  • Gemina di Amie Kaufman e Jay Kristoff, secondo volume della serie Illuminae, esce per Mondadori il prossimo 24 Ottobre;
  • DeA Planeta Libri pubblicherà il 7 Novembre Ready Player One di Ernest Cline, romanzo dal quale è stato tratto un film in uscita nelle sale a Marzo 2018;
  
  • Rivelata l'attesissima cover di Restore Me, primo volume del sequel della serie Shatter Me di Tahereh Mafi, in uscita negli USA a Marzo 2018. QUI potete anche leggerne un estratto.
  • Legendary sarà il secondo volume della serie Caraval di Stephanie Garber. Il primo volume, vi ricordo, uscirà in Italia il prossimo 19 ottobre;
Quali autori, quali libri;
  • Leigh Bardugo ha annunciato di essere al lavoro su una nuova serie ambientata nel grishaverse. L'autrice scriverà infatti una nuova serie con protagonista Nikolai, personaggio già apparso nella serie Shadow and Bone, dal titolo King of Scars;
  • Adam Silvera, autore di romanzi YA molto famoso oltreoceano, prossimamente scriverà un romanzo a quattro mani con un'altra autrice parecchio famosa: Becky Albertalli.
    I due uniranno le forze per scrivere un romanzo YA dal titolo What If It's Us, che uscirà nell'autunno del prossimo anno.
Novità sugli adattamenti;
  • In questi mesi è stato in lavorazione Artemis Fowl, film basato sulla serie di romanzi per ragazzi scritta da Eoin Colfer. La pellicola è diretta da Kenneth Branagh, dovrebbe uscire nel 2019;
  • Casey Affleck reciterà nei panni del protagonista nell'adattamento di Stoner, film basato sul romanzo omonimo di John Williams, che sarà diretto da Joe Wright;
  • Il film basato su Non so chi sei, ma io sono qui di Becky Albertalli, arriverà al cinema con il titolo Love, Simon;
  • Pur non trattandosi di un adattamento vero e proprio, devo segnalarvi che è in lavorazione un film biografico sulla vita di Mary Shelley, autrice del fortunatissimo romanzo gotico Frankenstein. Nella pellicola reciteranno Elle Fanning e Maisie Williams;
  • Sono cominciate le riprese de La profezia dell'armadillo, film basato sulla graphic novel omonima di Zerocalcare. Il film sarà diretto da Emanuele Scaringi e ci reciteranno Simone Liberati, Pietro Castellitto, Laura Morante, Caludia Pandolfi, Valerio Aprea e Diana Del Bufalo.
    Zerocalcare ha collaborato alla sceneggiatura dell'adattamento, che vedremo nei cinema probabilmente nel 2018.
Simone Liberati e Pietro Castellitto in una foto dal set.

  • Prima foto dal set per Chaos Walking, primo adattamento della serie omonima di Patrick Ness. Nella foto, che l'autore ha twittato, possiamo vedere Tom Holland e Daisy Ridley, che interpretano i protagonisti, Todd e Viola.

Prossime uscite in Italia;
  • Arabesque di Alessia Gazzola, secondo una notizia riferita dalla stessa autrice, uscirà il 13 Novembre e non il 9, come indicato su Amazon;
  • Ti chiamo sul fisso di Rainbow Rowell dovrebbe uscire per Piemme il 7 Novembre;
  • Prossimamente Leggereditore pubblicherà Without Merit di Colleen Hoover con il titolo La verità che non ti ho detto;
E per oggi è tutto, lettori cari.
L'appuntamento è per la prossima settimana con le prossime news!


giovedì 5 ottobre 2017

Le Segnalazioni della Tana #20

Cari visitatori della Tana, 
dopo moltissimi tempo torno a segnalarvi alcuni romanzi di autori emergenti. Nel corso di questi mesi ho accumulato un bel po' di titoli, molti dei quali meritano uno spazio qui nella Tana. Pronti a scoprirli?

Titolo: Fiore di cactus
Autore: Francesca Lizzio
Editore: Panesi Edizioni
Pagine: //
Prezzo: € 10 (cartaceo) € 2,99 (ebook)
Acquista su Amazon

TRAMA
Sara è una ragazza timida, intelligente, con la battuta sempre pronta, eppure nasconde la sua fragilità sotto un’armatura. La vita l’ha resa cinica e amara. Un giorno conosce Andrea, un ragazzo attento e gentile che con smisurata pazienza riesce a farsi spazio nella sua vita. Sarà lui a indurla a rimettere in discussione tutto quello in cui crede. Sara così ripenserà al percorso che l’ha resa la donna che è, si chiederà se riuscirà più a lasciarsi amare, se certe paure potranno essere sconfitte o se invece non ci sarà più nulla da fare. Se una come lei merita una seconda occasione. Perché anche un cactus ha un cuore, ha solo bisogno di qualcuno che creda in lui e non abbia paura delle sue spine.

Titolo: Il dizionario delle emozioni
Autore: Elle Caruso
Editore: Autopubblicato
Pagine: 221
Prezzo: € 1,99 (ebook)
Acquista su Amazon

TRAMA
La vita di Rose Wayne, brillante specializzanda in chirurgia, sembra perfetta, almeno in apparenza.
In pochi sanno che dietro quell'impeccabile facciata si nasconde il caos, in pochi conoscono il significato della parola alessitimia: incapacità di riconoscere le proprie emozioni e di comunicarle verbalmente. Letteralmente, non avere parole per le emozioni.
La vita di Eric Dixon, professore universitario di arte con un passato da pugile alle spalle, viene improvvisamente sconvolta quando la fidanzata lo lascia per un altro uomo, e in un attimo Eric si ritrova a dubitare delle proprie certezze e delle proprie scelte.
Quando Eric e Rose si incontrano, tra loro scatta subito un'innegabile intesa, ma a causa delle loro paure e delle loro insicurezze i due non fanno che attrarsi e respingersi a vicenda.
Solo dopo aver toccato il fondo, entrambi si rendono conto che è arrivato il momento di mettere ordine nelle rispettive vite e di fare pace con il passato prima di poter pensare al futuro.
Ma il passato ritorna, ed è ancora capace di mettere tutto in discussione...

Titolo: Ulfhednar War. La guerra dei lupi
Autore: Alessio Del Debbio
Editore: Il Ciliegio
Pagine: 412
Prezzo: € 19,50 (cartaceo) € 3,99 (ebook)
Acquista su Amazon

TRAMA
Amici da anni, Ascanio, Daniel, Marina e la loro compagnia di Viareggio non desiderano altro che trascorrere una tranquilla vacanza insieme, ma il destino ha altro in serbo per tutti loro. Gli ulfhednar di Odino sono tornati e la Garfagnana non è più un posto sicuro da quando Raul ha preso il comando del branco del Vello d’Argento. Spetta ad Ascanio, ultimo discendente di una stirpe di officianti della Madre Terra, contrastare i suoi progetti di dominio, aiutato dal suo compagno Daniel, un ulfhedinn fuggiasco che ha imparato ad apprezzare la vita tra gli uomini. Ma dietro le mire espansionistiche del violento e indegno Alfa si nasconde un’ombra antica, disposta a tutto pur di aggrapparsi alla vita.
«Per questo continuiamo a provare. Per rendere onore a chi è caduto, per vincere le nostre paure e promettere a noi stessi di non fallire più.»

Titolo: Jave
Autore: Gabriella Bruzzese
Editore: Bookabook
Pagine: 244
Prezzo: € 15 (cartaceo) € 7,99 (ebook)
Acquista su Amazon

TRAMA
Svezia, 2075. In un mondo impoverito dalla scarsità di risorse energetiche, che non riesce più a guardare con fiducia al progresso scientifico, Aelita si imbatte in una vicenda misteriosa. Un’adolescente uguale a lei in tutto e per tutto, tre ragazzi morti, il progetto Astrom e il suo fondatore, un mondo parallelo: cosa accomuna questi elementi? L’animo inquieto e la razionalità scientifica di Aelita la spingono a indagare.
Ciò che emergerà andrà ben oltre l’identificazione di un assassino, sarà una scoperta che coinvolgerà il senso stesso dell’esistenza.


E per oggi è tutto, lettori cari.
Alla prossima!

lunedì 2 ottobre 2017

Recensione in anteprima di "A caccia" (Theologia #1) - Alaisse Amehana

Cari visitatori della Tana,
è con grande piacere che oggi vi recensisco uno dei romanzi che attendevo di più in questo periodo.
Si tratta di A caccia, primo romanzo della serie Theologia di Alaisse Amehana, che torna nelle librerie online con questa serie urban fantasy con un protagonista parecchio sui generis.

A caccia uscirà in versione autopubblicata il prossimo 6 Ottobre e lo troverete su Amazon sia in versione cartacea che digitale. 

TRAMA
Vivevo tranquillo come Pulitore, lavoro degradante per un vampiro del mio calibro, ma ammetterete che coi tempi che corrono uno stipendio fisso ha il suo fascino. Poi è andato tutto in malora.
Come sempre, quando c’è qualche disastro di dimensioni colossali io ci finisco in mezzo. 
Questa volta mi sono imbattuto in una ragazzina inquietante con la capacità di mandarmi fuori di testa con un solo sguardo. Sono certo che mi voglia morto. Avrei bisogno di alleati ma il mio talento è nel campo opposto: nel corso dei secoli ho collezionato più nemici mortali che scarpe e l’unico che ora sembra pronto ad aiutarmi è un demone minore in grado di trasformarsi in topo.
Io avrei voluto solo essere lasciato in pace, invece mi trovo a dare la caccia a un assassino e a guardarmi le spalle da Lecroc, un licantropo che inspiegabilmente mi vuole morto da quando… beh, da sempre.
Qualcuno mi aiuti.

LA MIA OPINIONE

Theodoro - ma meglio per tutti chiamarlo soltanto Theo - è un vampiro che non vive proprio ai vertici della società del mondo di sotto. Fa una monotona vita da impiegato di medio livello come Pulitore ormai da più di trecento anni, cercando di ripulire al meglio le tracce che demoni, fate, licantropi e vampiri lasciano quando combinano qualche disastro.
Ma anche nella monotona vita di Theo può esserci una svolta: il suo capo decide di spostarlo alla Squadra per le Indagini quando a Torino si cominciano a verificare strani omicidi. L'assassino lascia sulle scene del crimine cadaveri completamente dissanguati e tracce di magia nera. Ancor più strano, nessuno ha denunciato gli omicidi.
Al seguito della bellissima fata Seril e tallonato dal licantropo Lecroc, Theo si lancia controvoglia in quest'indagine, che però nasconde un risvolto positivo: sulla sua strada verso al verità sugli omicidi incontra Selene, la più affascinante delle umane che abbia mai visto, capace di ammaliarlo con un solo sguardo.
Theo non può fare a meno di esserne attratto, mentre Selene..beh, Selene deve fare i conti con i suoi sogni, il futuro, ed un desiderio di giustizia e di verità che la spinge ad affrontare quest' avventura piena di imprevisti insieme a Theo.

Dimenticate Edward Cullen: Theo potrebbe essere il vero vampiro di cui avete bisogno.
Questo romanzo ha proprio nel protagonista il suo perno. La vicenda ci viene raccontata quasi interamente attraverso il suo PoV, e questo ci permette di conoscere molti aspetti - anche i più strambi - della sua personalità.
È inutile girarci intorno, Theo, come dice la stessa Alaisse, è un po' un imbecille. Il problema è che io sono riuscita ad apprezzarlo anche per questo. Sì, perché l'autrice ha preso tutti gli stereotipi twilightiani sulla perfezione dei vampiri e li ha stravolti, regalandoci un protagonista che fa tanto ridere e che ogni tanto fa venire il prurito alle mani perché due sberle se le meriterebbe, ma allo stesso tempo risulta più realistico, in qualche modo più umano.
Ho sicuramente apprezzato molto anche il mondo di sotto, con tutte le sue creature, le gerarchie e le regole, che Theo è sempre pronto a scavalcare quando ci sono di mezzo i suoi interessi.
La trama nel complesso è sviluppata bene, i misteri ed i colpi di scena non mancano e l'attrazione tra Theo e Selene, che un po' si avvicinano e un po' si respingono e che hanno sicuramente poche certezze, fa da sfondo ad una vicenda che incuriosisce sempre di più pagina dopo pagina.
Ci sono sicuramente molti elementi in più rispetto ad Io sono Vera, romanzo precedente di Alaisse, ed è evidente anche la storia è più complessa e articolata.
A caccia è uno urban fantasy con dei tratti di originalità che vano sicuramente lodati. L'unica pecca è che in alcuni punti non l'ho trovato scorrevolissimo, ma questo non ha diminuito il mio interesse nei confronti della storia.

Nel complesso una buona lettura, consigliatissima sicuramente agli amanti del genere, ma anche a coloro che non amano particolarmente gli urban fantasy. Alaisse potrebbe farvi scoprire una nuova prospettiva su questo genere!

Il mio voto per questo romanzo è di quattro riccetti!